Fai un sopralluogo! – Primo Episodio: Urbisaglia

Urbisaglia

Con la  supervisione di Luca Celidoni, Monia Bassetti e grazie al contributo prezioso di Paola Marchegiani, i volontari AMAT e CMS, hanno visitato alcuni dei luoghi che si risvegliano durante il TAU.

anfiteatro urbisaglia

Nell’ambito del secondo modulo della Formazione Specifica prevista dal progetto, abbiamo intrapreso un viaggio alla scoperta di alcuni dei magnifici Teatri Antichi che come ogni anno, avranno nuova vita accogliendo il pubblico del TAU. La nostra prima sosta è stata la bellissima Urbisaglia. Sotto l’odierna cittadina dorme un’intera città romana i cui particolari emergono anche in superficie. La nostra attenzione è stata subito catturata dall’Anfiteatro Romano. Ci siamo trovati tra le mura di un luogo estremamente suggestivo, ombreggiato dagli alberi e dalla vegetazione che ne delineano il perimetro. Abbiamo potuto distinguere ancora la cavea (cioè la gradinata) e i resti delle strutture voltate che la sorreggevano, il teatro romano, infatti, non poggiava sul terreno. Grazie all’osservazione di Paola Marchegiani abbiamo potuto notare anche la classica forma a punta dei mattoni romani. Poco lontano, abbiamo camminato tra i resti di un tempio con criptoportico, dove si possono ammirare numerosi affreschi  ancora ben conservati. Spostandosi verso la collina ci si è imbattuti nei resti dell’antico Teatro, uno dei più grandi d’ Italia. La struttura architettonica è diversa dall’Anfiteatro Romano, per la cavea infatti viene sfruttata la pendenza naturale del terreno, secondo le modalità costruttive di origine greca. Provando ad alzare la voce ci siamo accorti di come l’acustica fosse strettamente collegata alla struttura del teatro, il suono tornava indietro amplificato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Curiosità!
 Nel Medioevo Dante poteva ammirare le rovine di questa città un tempo ricca e potente. Nel XVI canto del Paradiso (vv. 73-78), questo importante crocevia diventa il simbolo dell’ineluttabile decadenza del potere:
 urbisaglia-dante

“Se tu riguardi Luni e Urbisaglia Come son ite e come se ne vanno Diretro ad esse Chiusi e Senigaglia Udir come le schiatte si disfanno Non ti parrà nova cosa né forte Poscia che le cittadi termine hanno.”

E’ stato davvero bello immergersi nel passato per una intera mattinata, ma il richiamo dell’ora di pranzo, ha posto una piccola pausa alla nostra avventura..

To be continued …

Annunci

2 pensieri su “Fai un sopralluogo! – Primo Episodio: Urbisaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...